L’accumulo compulsivo è davvero una malattia!

Alla fine i miei genitori avevano ragione: esiste davvero un disturbo mentale chiamato “accumulo compulsivo” e pare io ne sia affetta.

io non riesco a buttare via niente per due motivi: perché mi dispiace separarmi dai vecchi ricordi (dato che non ho memoria, gli oggetti e le fotografie rappresentano per me una sorta di “memoria esterna”); e poi perché sono convinta che tutto possa tornare utile in futuro, tutti gli oggetti che abbiamo intorno, le carte, le cartacce, le cartucce usate, gli scontrini vecchi, le cicche masticate, le bucce di mandarino… sicuramente un giorno serviranno a qualcosa!

Monologo interiore:
Aspetta, quello no! Non puoi buttarlo via, ma sei pazzo? È una chiave inglese rotta in ottimo stato, mettila subito nella credenza con le altre chiavi inglesi rotte.
Alla fine, ti metterai ad aggiustarle, e a quel punto sarai contento di aver salvato anche questa.
E non farti neppure venire in mente che si potrebbe buttare quel pacco di vecchie magliette strappate e macchiate.
Sai quanti bambini al mondo sono costretti a girare senza maglietta.
Oooh… e guarda quell’elastico. Niente da fare, quello non lo butti. Gli elastici servono sempre!
Mettili nella vasca da bagno insieme agli altri.

Diagnosi:
Avete presente quello stupido bigliettino della persona con cui stavate, e che proprio non riuscite a buttare via?
È solo un appunto sul retro della bolletta del gas che dice che vi dovete ricordare di comprare i capperi, ma per qualche ragione per voi ha un “significato”.
Ora, provate a pensare di attribuire quel tipo di importanza a qualsiasi cosa.
Alla chiave di una porta che non esiste più.
Alla busta paga di un lavoretto che avete fatto un’estate al college.
Una busta vuota di patatine che avete mangiato su un autobus qualche tempo fa.
Immaginate di non riuscire a buttare via nessuna di queste cose.
Al punto che gli oggetti cominciano ad accumularsi nelle vostre case in lunghe pile traballanti.
Non c’è più spazio sugli scaffali, così iniziate nuove file di cose sui pavimenti, sulla lavatrice e sul frigo.
Non potete più usare il vostro letto perché è pieno di caricabatterie e di orologi digitali che non funzionano, ma che potrebbero servirvi prima o poi.
Se riuscite a immaginarvi tutto questo, potete farvi un’idea di cosa si provi a soffrire di Accumulo Compulsivo. 

Bene, dopo che ho letto questo estratto dal libro IO SONO PARANOICO – guida tascabile ai tremendi disturbi mentali che già senti di avere” di Dennis Diclaudio – che vi consiglio vivamente di comprare e di tenere sempre sul comodino – ho capito che i miei genitori avevano ragione: l’accumulo compulsivo è una patologia e può diventare davvero qualcosa di serio e preoccupante.


Ma per me in realtà non è così grave.
E poi mi sono trovata da sola una cura: io con gli oggetti che non riesco a buttare ci faccio davvero qualcosa.
Li faccio vivere di nuovo.
Li unisco, li assemblo, li appiccico su delle tele o sui muri, me li metto addosso, li riciclo e li trasformo.
E qualcosa viene fuori.
Certe volte anche qualcosa di bello.
Sì, bisognerebbe anche definire cosa sia il bello.
Ma mi accontento del buon vecchio proverbio che dice che “è bello ciò che piace”.
E a me piace.
Tanto.
E mi fa anche stare bene.
(Quindi sono guarita?)

Annunci

3 thoughts on “L’accumulo compulsivo è davvero una malattia!

  1. Bell argomento, anche mia mamma e’ un accumulatrice… Soluzione che ho scoperto in tv: fare delle foto nelle parti di casa dove accumulava cose … Cose che sarebbero potute venir utili… Poi gliele abbiamo mostrate! Almeno si e’ resa conto!! Ora va molto meglio!

  2. purtroppo ne soffro e non voglio più vedere la mia casa in quello stato. Quando tento di sistemare qualcosa mi vengono i dolori alle gambe e mi blocco. Aiuto non riesco ad uscirne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...